Il Pittoresco

 

Lady Sidney Morgan
Giornalista, scrittrice e viaggiatrice irlandese, autrice della serie Italy, 3 v., London, Henry Colburn and co., 1821

Ruolo di guida nel Percorso Pittoresco del Trasimeno Grand Tour: 
Italy illustra il glorioso passato italiano, ma anche la sua contemporaneità. Lady Morgan, osservando la ridente e deliziosa campagna perugina scrive: «Il costume ed il colore dei gruppi, la pettinatura isiaca delle donne, il mantello pastorale degli uomini, le loro gabbie di tortorelle, i loro panieri di frutti sfavillanti, ritornano nella mia memoria come le vive immagini che i mercati dei pittori fiamminghi lasciano un segno nell’animo» (S. Morgan, Italy, 3 v., London, Henry Colburn and co., 1821, II, p. 305). Nell’Ottocento il gusto per il pittoresco e la riscoperta dell’arte gotica rivalutano l’Umbria e il territorio di Perugia agli occhi dei viaggiatori.
Se la prima cosa che colpisce il viaggiatore romantico raggiungendo Perugia è la sua posizione, scrive Lady Morgan, «domina un panorama incantevole di cui il Lago Trasimeno è il tratto più stupefacente». Il libro di viaggio della Morgan venne messo all’indice nello Stato Pontificio e proscritto nel Regno di Sardegna e nell’impero Austro-Ungarico. Il volume infatti criticava aspramente il regime pontificio, denunciando spesso lo stato di povertà e sfruttamento in cui era costretta a vivere gran parte della popolazione.
Documento della civiltà materiale nel suo ambiente naturale, e del territorio visto attraverso il lavoro degli uomini e degli artigiani, pone la sezione dedicata al passaggio di Morgan in Umbria, quale indiscussa fonte di guida alle numerose bellezze della regione.

.
IL PITTORESCO: lo sviluppo armonico della civiltà materiale nel suo ambiente naturale, il disegno del territorio attraverso il lavoro dell’uomo, il persistere della tradizione, la salvaguardia e la trasmissione dei saperi artigianali. A questa triplice chiave di lettura, che costituisce la matrice classica del fenomeno del Grand Tour, se ne aggiunge una quarta, trasversale alle altre, che trova la sua ragione nel “presente storico”, costantemente operante in qualsiasi percorso di visita, di viaggio e di esperienza: