Castiglion Fosco

Il paese è collocato sulla sommità di un piccolo colle di 350 m s.l.m., da cui è possibile scorgere un'altura, dominante l'intero territorio, denominata Montalvino, alta 666 metri. Simbolo di Castiglion Fosco è l'imponente torre, dalla particolare base cilindrica che si staglia sul paese come fosse ancora a difendere i confini del castello.Simbolo di Castiglion Fosco è l'imponente torre, dalla particolare base cilindrica che si staglia sul paese come fosse ancora a difendere i confini del castello.

Venne iniziata nel 1462 e completata nel 1500, come rivela una scritta dell’epoca incisa su un mattone al secondo piano, fu ristrutturata e resa facilmente accessibile negli anni ’90. Al suo interno si possono visitare il piano più basso (dove si evince lo spessore delle mura portanti), salire la scala a chiocciola fino ai due piani intermedi (dove sono ancora ben visibili i meccanismi dell’antico orologio a pesi, purtroppo non più funzionante) ed arrivare così alla cima, dove si può godere una veduta a 360° della vallata.

La chiesa parrocchiale di Santa Croce e il campanile di Collebaldo
Da piazza della torre proseguendo verso l’interno del borgo in via Mattei, si scorge in lontananza il meraviglioso campanile merlato di Collebaldo, incorniciato da grandi alberi. A sinistra si vede la piazza principale, nata attorno al pozzo che fungeva da cisterna d’immagazzinamento dell’acqua; si può ammirare da un’altra prospettiva la torre e le tre campane a vela, sulla piazza si affaccia anche la Chiesa parrocchiale di Santa Croce che dal 1820 ha acquisito l’aspetto attuale, ma che in realtà è una “chiesa nella chiesa”. Si hanno infatti resti molto evidenti di una struttura molto più antica datata XII-XIII secolo.

Statua della Madonna con Bambino, Chiesa di Santa Croce
La storia di questa famosissima Madonna, costruita in un unico tronco di legno (forse ulivo), con un sorriso ampio e sereno, le gote rosse e uno sguardo profondo che la fa assomigliare più all’iconografia bizantina che a quella cristiana, non finisce qui. Infatti, cercando nella canonica documentazioni indispensabili per attestare la proprietà della contestata statua, fu rinvenuto in un ripostiglio, uno dei primi organi costruito dal maestro Angelo Morettini (1799 – 1877), ora restaurato, accompagna con il suo suono le celebrazioni liturgiche.

Oltre questo, scavando una nicchia , per trovare una collocazione adeguata alla statua dopo il ritrovamento, sulla parete destra della chiesa di Santa Croce, ci fu chi gridò ancora al miracolo. Dal nulla apparve un bellissimo affresco del 1523, raffigurante la Madonna con Bambino tra i Santi, attribuito alla scuola del Perugino Percorrendo via Chiesa si raggiunge piazza Vermiglioli, su cui si affaccia il maestoso edificio medievale Palazzo Corneli, in parte di proprietà comunale, attualmente fase di ristrutturazione e ammodernamento per valorizzarlo e creare nuove unità abitative.